Glob011: Numero 2

Pubblicato il da Piemondo

glob011-4Editoriale: E' la fine della storia?

Nel 1992 il politologo statunitense Francis Fukuyama dichiarava “è la fine della storia”. Secondo lui, il modello politico ed economico oggi globalizzato è l’ideale da sempre ricercato. La crisi devastante e le rivolte che attraversano tutto il pianeta, ci dimostrano invece che la storia è ancora tutta da scrivere.

In tempi di vacche grasse è facile andare tutti d’accordo. In tempi di vacche magre, invece è tutta una altra storia. Da un paio di anni in qua la parola é stata lanciata. Siamo in crisi!

Crisi, crisi e ancora crisi. Termine abusato, ripetuto come un leitmotiv o un mantra. Masticato e mangiato in tutte le salse. Dal microcosmo di Torino (il nostro 011 per l’appunto) al macroscopico mondiale (Glob), non si parla d’altro.

Nel suo piccolo, la nostra Torino sta anticipando gli scontri che ci aspettano a livello planetario: i padroni del capitale e una classe politica da tempo acquisita - viene quasi da dire acquistata - alla causa dei potenti che, tolta la maschera indossata ai tempi dell’opulenza, mostrano il loro volto.

Attacco frontale e congiunto contro diritti e dignità umana. Disinformazione, paura, manipolazione delle rabbie e delle frustrazioni, guerra tra i poveri sono le loro armi favorite. Il livellamento verso il basso del tenore di vita, del costo e delle condizioni del lavoro e dello stato dei diritti è il loro obiettivo finale.

Ma le classi povere, anche se a lungo assopite, non sembrano volersi arrendere senza combattere. Dalla straordinaria mobilitazione per il referendum di Mirafiori alle sollevazioni in Tunisia, agli scioperi dei lavoratori in Serbia, in Portogallo, in Grecia etc.

Senza parlare poi della recentissima rivolta in Libia. Una nuova generazione si sta svegliando da un lungo letargo mediaticamente assistito e si accorge di aver perso quasi tutto. Il malessere dilagante di cui sta prendendo coscienza l’universo del precariato in generale, lavoratori e lavoratrici, studenti e studentesse, piccoli commercianti ... ci

porta a sentire forte la necessità di fare le pulizie di fine stagione: buttare via tanta roba vecchia e trovare nuove forme di organizzazione sociale e politica.

Con tag numeri glob011

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post